Vorrei un chupito di candeggina… omeopatica

Avete mai provato a bere della candeggina?

Spero che la risposta sia negativa, però c’è chi ha provato a produrre una soluzione 30 CH di candeggina e poi l’ha bevuta.

Com’è possibile che il ragazzo possa bere dell’ipoclorito di sodio senza stare male? Il segreto è nella diluizione, infatti una soluzione di questo tipo (che in omeopatia viene detta 30 CH) non contiene più nemmeno una singola particella della candeggina iniziale. Scopri perché leggendo il post Omeopatia: più è diluito più è potente.

 

3 thoughts on “Vorrei un chupito di candeggina… omeopatica

  1. Buongiorno, vorrei dire la mia:
    In realtà questa cosa, dimostra per metà, l’efficacia dell’omeopatia: ossia che gli effetti indesiderati vengono annullati. Ragion per cui puoi bere tranquillamente della varecchina omeopatica senza accusare “quei fastidiosi dolori allo stomaco” 😉 causati dall’ipoclorito di sodio . Quante volte avrete sentito dire “se non fa bene, non fa nemmeno male”. Io ogni volta che si discute di omeopatia.
    Ora però, per confermare l’efficacia dell’omeopatia, dovremmo anche confermare l’altra metà della teoria, ossia che gli effetti “buoni” vengono potenziati.
    Per dimostrare questo, vorrei proporre alla persona del video, di smacchiare una tovaglia sporca di sugo al pomodoro, con la soluzione ottenuta.
    In teoria ne dovrebbero bastare poche gocce visto che la varecchina è stata potenziata nelle sue qualità.

    Attendo impaziente il seguito…

    Ciao a tutti e se posso dire l’ultima, ben vengano le cure naturali a base di erbe medicinali e sostanze minerali.
    Ma l’omeopatia, la classificherei nelle categoria: magie, favole, tarocchi, elfi e via dicendo…

    Ciao

  2. La candeggina (o meglio l’ipoclorito di sodio), è regolarmente aggiunta all’acqua di rubinetto dai gestori dell’acquedotto pubblico…. tutti ne abbiamo bevuta almeno una volta nella vita.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *